strategy design emotion
come personalizzare google analytics

Google Analytics: dalla strategia alla personalizzazione

Stabilito che monitorare ciò che accade su un sito web è fondamentale (se ancora non sai perché leggi l’articolo Analisi dei dati: perché è fondamentale per un sito), passiamo alla fase successiva.

Il codice di monitoraggio di Google Analytics è stato copiato e incollato nel sito web – o è stato installato tramite Google Tag Manager – e la piattaforma ha iniziato a raccogliere i dati su chi visita il sito, da quale canale arriva e quali pagine visita.

Anche solo con la semplice implementazione del codice di monitoraggio possiamo raccogliere informazioni preziose che possono aiutarci a prendere delle decisioni. Possiamo vedere quali canali portano maggiore traffico, quali sono i contenuti che interessano di più, quanti utenti tornano sul sito…

Per alcuni l’impostazione di Google Analytics termina qui. In realtà i report forniti di default da questa piattaforma sono solo la punta dell’iceberg.

Google Analytics, infatti, non sa se il sito web è un e-commerce, un sito vetrina o una testata giornalistica; non sa quali sono i dati che ci interessa tenere sotto controllo; non sa in base a cosa misuriamo il successo del sito.

La buona notizia è che possiamo fornire tutte queste informazioni alla piattaforma e ottenere uno strumento personalizzato in grado di darci maggiori insight su cui prendere decisioni di business.

La prima cosa da fare per personalizzare Google Analytics? Una strategia!

Ebbene sì, può sembrare scontato, ma il primo passo da compiere è formulare una strategia, o più precisamente un piano di misurazione.

È inutile iniziare a tracciare azioni, obiettivi o segmenti se non è chiaro perché lo si sta facendo. Il rischio è quello di ritrovarsi con tanti dati slegati tra loro che, anziché essere d’aiuto nel prendere una decisione, non fanno altro che creare maggiore confusione.

Quindi, il primo passo da compiere è allontanarsi dal computer – dopo aver finito di leggere l’articolo - e rispondere a queste domande:

  • Qual è l’obiettivo della mia attività? Vendere? Informare?...
  • Come può il sito aiutarmi a raggiungere l’obiettivo di business?
  • Quali sono i KPI (metriche) da tenere monitorati in relazione agli obiettivi identificati?
  • Quali sono le dimensioni e i segmenti da monitorare per valutare il raggiungimento degli obiettivi? Sorgenti di traffico, sito in inglese, sito in italiano, utenti che hanno compilato il form…
  • Quali sono le azioni rilevanti per il raggiungimento degli obiettivi che gli utenti possono compiere sul sito?
  • Ci sono dati che la piattaforma non traccia ma che vorrei poter incrociare con i dati disponibili in Google Analytics?

Una volta redatto un documento che risponda a tutte queste domande è possibile fare una lista di tutti i settaggi da implementare per personalizzare la piattaforma: macro obiettivo, micro obiettivi, eventi, segmenti personalizzati, raggruppamento dei contenuti, dimensioni e metriche personalizzate, modelli di attribuzione, importazione dei dati…

Ovviamente ogni sito web ha la propria strategia e, di conseguenza, ci sono specifici settaggi da implementare. Vediamo i settaggi necessari da impostare.

Primo fra tutti il tracciamento del macro obiettivo, ovvero l’obiettivo principale del sito che può essere l’acquisto di un prodotto o servizio, la compilazione di un form contatti, l’iscrizione alla newsletter o altro.

Definito il macro obiettivo, è necessario stabilire se ci sono (e quali sono) i micro obiettivi, ovvero azioni che gli utenti possono compiere prima di arrivare all’obiettivo principale. Ad esempio, se abbiamo un e-commerce, alcune azioni che potrebbero costituire un micro obiettivo sono la visualizzazione dei dettagli del prodotto o delle recensioni, l’utilizzo della funzione confronta, il download del catalogo o della scheda tecnica di un prodotto o qualsiasi altro tipo di azione che l’utente può compiere prima di procedere all’acquisto per avere maggiori informazioni.

Oltre ai micro obiettivi, potrebbero essere presenti altre azioni che gli utenti possono compiere e che possono essere utili per valutare le performance del sito. Per tracciare questo tipo di azioni è necessario impostare il tracciamento degli eventi. Scroll di determinate pagine, visualizzazione di un particolare elemento, download di schede tecniche, clic sulle Call To Action (CTA)… Gli eventi possono essere utilizzati per tracciare qualsiasi tipo di azione. Ma, a meno che tu non conosca Javascript o sappia usare GTM, avrai bisogno di aiuto per crearli e implementarli.

Le personalizzazioni possibili sono infinite: se si tratta di un e-commerce si può impostare il tracciamento e-commerce (o il tracciamento e-commerce avanzato), si possono raggruppare i contenuti del sito per analizzare velocemente le performance di insiemi di pagine, si possono importare dei dati in Google Analytics e incrociarli con le metriche del sito (per sapere quali dati importare nella piattaforma leggi l’articolo Google Analytics… a volte questi dati non bastano!), si possono creare segmenti, dimensioni, metriche e modelli di attribuzione personalizzati per rispondere al meglio alle esigenze di misurazione del business e tanto altro ancora.

Se ancora non hai una strategia di analisi dei dati per il tuo sito web e hai bisogno di aiuto per formularla e implementarla, contattaci!

Contattaci
Grazie per averci inviato la tua richiesta!
C'è stato un errore, ti chiediamo di riprovare.
inserisci il tuo nome
inserisci il tuo cognome
inserisci la tua email
per quale azienda lavori?
inserisci il tuo telefono
in che Paese ha sede la tua azienda?
accetta la privacy e iscriviti alla nostra newsletter
invia
Loading
Ti suggeriamo
conversioni-google-analytics-diverse-facebook-analytics
Analytics vs Facebook: perché le conversioni sono diverse?

Hai controllato le conversioni su Facebook, ma poi ti sei accorto che sono diverse da quelle registrate da Google Analytics… In questo post ti spieghiamo il motivo!

tracciare-transazioni-ecommerce-google-analytics
Transazioni e-commerce: le trappole nel tracciamento

Il tracciamento dell’e-commerce avanzato è stato implementato correttamente, ma le transazioni riportate sono diverse da quelle reali. Scopriamo insieme i motivi!

come usare linkedin per le aziende
LinkedIn per le aziende: scopri tutte le sue potenzialità

La tua azienda è presente su LinkedIn, ma sai come utilizzarlo per raggiungere obiettivi di business? Ti sveliamo qualche consiglio utile!